PROGRAMMI LOTTO: Manuale di CompLotto

Sistemi Lotto: integrali, condizionati e riduzioni ortogonali

Questa sezione del programma si occupa di tutto ciò che riguarda la sistemistica per il gioco del Lotto. I sistemi integrali, sistemi condizionati e le riduzioni ortogonali sono argomenti che hanno molte affinità con certi tipi di integrali/riduzioni dei tradizionali sistemi del totocalcio e ancor più con quelli del Totogol.

Sistemi Lotto: integrali, condizionati e riduzioni ortogonali

Vi è la possibilità, in questa sezione, di sviluppare una determinata quantità di numeri (anche tutti i 90 numeri del Lotto) in gruppi di 2, 3, 4 o più numeri (massimo 10).

Questo significa che, nel caso dei sistemi integrali, saranno create tutte le serie possibili composte dai numeri indicati dall'utente.

Le riduzioni ortogonali, invece, sono delle vere e proprie riduzioni in quanto consentono di effettuare uno sviluppo tale che non vi sia più di una combinazione ripetuta (ortogonale puro) o anche ammettendo qualche ripetizione qualora fosse necessario per ottenere un numero minore di schedine (ortogonale misto).

Sulla base degli algoritmi di riduzione possono avvenire dei condizionamenti del tipo N-1, N-2, che stanno ad indicare, ad esempio, un ambo garantito nel sistema con l'uscita di 3 numeri.

Ulteriori condizionamenti possono agire sulle singole serie o combinazioni utilizzando i filtri presenti nella seconda pagina di questa sezione. Nello sviluppo integrale i filtri intervengono sulla serie mentre, nelle riduzioni ortogonali, agiscono sulle singole combinazioni che compongono la serie.

Infine, nella terza pagina, uno spoglio di tipo avanzato, consente di conoscere dettagliatamente le uscite delle combinazioni presenti nel sistema e di valutare dal punto di vista economico, la convenienza di gioco del sistema sulla base dell'archivio storico delle estrazioni Lotto.

Per accedere alla sezione Sviluppo/Riduzioni è necessario seguire il percorso Sistemi Sviluppi/Riduzioni del menu principale. Lo stesso risultato si può ottenere cliccando sull'icona ad essa associata: Icona toolbar - sistemi lotto: integrali, condizionati e riduzioni ortogonali.

Impostazioni e comandi principali del generatore di sistemi

Nel riquadro che appare inizialmente ci sono tutti gli elementi per eseguire uno sviluppo integrale o una riduzione ortogonale. Si possono immettere i numeri manualmente o affidandosi al selettore multiplo posto in alto a sinistra. Si può stabilire la quantità di numeri che deve contenere ogni serie sviluppata, scegliere il tipo d'algoritmo (Integrale, Ortogonale Puro od Ortogonale Misto) e determinare la combinazione che deve essere garantita oltre alla possibilità di impostare anche il tipo di ridotto (N-1 come ad esempio: ambo garantito con 3 numeri indovinati), o biridotto (N-2 come ad esempio: ambo garantito con 4 numeri indovinati), ecc. Ci sono, infine, i comandi che consentono il calcolo, il salvataggio ed il caricamento di un sistema sviluppato, la stampa su carta e su schedina.

Selezionare i numeri di un sistema

L’inserimento della serie integrale è consentita sia cliccando sui numeri posti in alto a destra, sia utilizzando il selettore multiplo posto in alto a sinistra. In quest’ultimo caso è sempre possibile abilitare o disabilitare dei numeri a proprio piacimento.

Selezionare l'algoritmo di un sistema

La selezione avviene cliccando in corrispondenza del riquadro centrale e del tipo di algoritmo che si vuole utilizzare.

Ci sono tre algoritmi che determinano il tipo di sviluppo o riduzione:

Lo Sviluppo integrale non tiene conto né della combinazione né della garanzia in quanto sviluppa la serie integrale in tutti i gruppi possibili composti da n numeri (quelli descritti dal parametro Quantità numeri).Importante: i condizionamenti descritti nella seconda pagina, si riferiscono all’intera serie sviluppata (eccezion fatta per i filtri: Ritardo ambata e Ritardo combinazione).

Ad esempio, se vogliamo sviluppare in terzine la serie 1.2.3.4.5, indipendentemente dalla combinazione selezionata, con uno sviluppo integrale si otterranno le serie:

1.2.3
1.2.4
1.2.5
1.3.4
1.3.5
1.4.5
2.3.4
2.3.5
2.4.5
3.4.5

che sono tutte le terzine possibili con i 5 numeri inseriti.

Il Sistema ortogonale puroorganizza la riduzione in modo tale che non vi sia >MAI una combinazione ripetuta all'interno. Nella maggior parte dei casi non è possibile ottenere tutte schedine composte dalla stessa quantità di numeri per cui l'algoritmo produrrà altre serie composte da quantità di numeri decrescente fino a quella della combinazione selezionata , come nell’esempio che segue:

1) 1.2.3
2) 1.4.5
3) 2.4
4) 2.5
5) 3.5

Si noti che sono presenti nel sistema tutti gli ambi possibili con la cinquina 1.2.3.4.5 e da questo ne deduciamo che se esce almeno un Ambo nei 5 numeri vi è sicuramente anche nel sistema sviluppato. Di fatto la combinazione selezionata stabilisce la garanzia del sistema.

Il Sistema ortogonale misto si comporta in modo molto simile all’Ortogonale puro ma ammette la possibilità che vi siano delle ripetizioni all'interno del risultato e garantisce che vi siano tutte serie di n numeri. La convenienza di questo sistema rispetto al precedente è data, salvo poche eccezioni in cui si equivalgono, da una minore quantità di serie. Ovviamente si mantengono le stessa garanzie, anzi, grazie alle ripetizioni è possibile che vi siano vincite multiple con un’unica combinazione.

Lo stesso esempio dei precedenti darebbe, con questo sistema, il seguente risultato:

1) 1.2.3
2) 1.4.5
3) 2.3.4
4) 2.3.5

Come si può notare, appunto, nella riduzione ortogonale pura la quantità di schedine erano 5 mentre nell’ortogonale misto si sono ridotte a 4. Nell’esempio la differenza è minima ma in sistemi più grandi diventa molto più significativa. Inoltre non sono più presenti ambi secchi ma solo terzine e l’Ambo 2.3 è ripetuto ben tre volte. Di fatto questo algoritmo è il più usato perché oltre ad offrire le stesse garanzie dell’ortogonale puro ed è anche più economico poiché richiede un capitale minimo più basso.

N.B.:La garanzia e tutti i filtri della seconda pagina sono riferiti alla combinazione prescelta e non all’intera serie. Questa impostazione è stata preferita perché è l’unico modo corretto per ottenere condizionamenti sui sistemi ortogonali.

Impostare i parametri di un sistema

Vi sono tre parametri che sono necessari prima di effettuare una elaborazione:

Con la Quantità di numeri di quanti numeri devono essere composte le serie sviluppate (in terzine, quartine, cinquine, ecc.). Da un minimo di 2 ad un massimo 10 numeri per serie;

La Garanzia consente di ottenere un sistema con garanzie ridotte. Ad esempio se la combinazione è l'ambo e questo parametro è 0 allora avremmo nello sviluppo l'ambo garantito se escono

2 numeri nella serie integrale.

Se, invece, fosse impostato ad 1 allora sarebbe necessaria l’uscita di 3 numeri della serie integrale per avere la certezza che all’interno del sistema sviluppato ci sia almeno un ambo.

Le stesse considerazioni valgono per le altre combinazioni: se, per esempio, la combinazione è il terno e questo parametro è impostato a 2, si deve attendere l’uscita di cinque numeri appartenenti alla serie integrale per essere certi di aver vinto.

Questo parametro è ignorato nel sistema di sviluppo integrale.

La combinazione e quella che non viene mai ripetuta nel SISTEMA ORTOGONALE PURO stabilisce il tipo di garanzia finale (vedi sopra).

Come la Garanzia, anche questo parametro è ignorato nel sistema di sviluppo integrale.

Elaborare un sistema

Una volta selezionati i numeri, scelto l'algoritmo di sviluppo/riduzione impostati i parametri, si può procedere all'elaborazione del sistema Lotto cliccando sul pulsante Elabora. Attendere finché la barra di progressione sia completamente piena e il pulsante Elabora ritornato selezionabile.

È consentita l’interruzione del calcolo premendo il tasto destro del mouse.

I risultati appariranno nel riquadro in basso a destra e possono essere sfogliati mediante la scrollbar posta sul bordo destro.

Dato che difficilmente si ha la necessità di giocare un gran numero di schedine è stato impostare un limite di 2.000 schedine oltre il quale l’elaborazione si arresta.

Ad ogni modo è possibile variare tale limite o disabilitarlo completamente cliccando su Stop dopo la schedina N..

Sullo schermo non saranno visualizzate le bollette oltre le 32000 serie tuttavia le altre sarebbero comunque memorizzate e potrebbero essere stampate su carta o su schedina. Anche lo spoglio le terrebbe in considerazione.

Salvare un sistema

Dopo il calcolo del sistema Lotto, potrebbe risultare molto utile memorizzare il sistema su disco in modo permanente. In questa maniera si potrà ripristinarlo in un secondo momento per effettuare una stampa o uno spoglio delle vincite. Con questa funzione non si memorizza soltanto il sistema sviluppato ma tutti i parametri ed i filtri utilizzati. Per memorizzare il sistema è sufficiente cliccare sul pulsante Salva , digitare il nome che gli si vuole associare al sistema e premere il pulsante Ok. Un nome valido potrebbe essere: “Questo è il mio primo sistema salvato su disco”.

Caricare un sistema

Il caricamento è utile non solo per visionare un sistema Lotto sviluppato in precedenza ma anche per ripristinare tutte le impostazioni dei parametri e dei filtri. Per eseguire il caricamento di un sistema cliccare sul pulsante Carica, selezionare il file o digitare il suo nome, infine cliccare sul pulsante Ok.

Stampare un sistema su carta

In seguito ad una elaborazione o ad un caricamento può essere effettuata una stampa cliccando sull'apposito pulsante Stampa che avvia la procedura standard tipica di Windows. Qui si può scegliere il formato del foglio, l'orientamento e altri parametri dipendenti dalla stampante. Cliccando sul pulsante Ok si procederà definitivamente alla stampa.

Stampare su schedina un sistema

In seguito ad una elaborazione o ad un caricamento può essere stampata la schedina di ogni singola serie del sistema Lotto cliccando sul pulsante Schedina. Attivata sezione di stampa (con il pulsante Schedina) devono essere specificate le quote da assegnare alle singole combinazioni. La somma delle quote in gioco per le varie combinazioni deve essere un multiplo di 1. Cliccando ancora su Stampa si accede al solito riquadro standard della stampa in cui, se necessario, si può decidere quale caricatore utilizzare (ad esempio la LASERJET 5P utilizza l'alimentatore anteriore che corrisponde nel driver ad Alimentazione manuale mentre in altre si deve lasciare ad Alimentazione automatica). Cliccando sul pulsante Ok si procederà definitivamente alla compilazione delle schedine.

Filtri statici e dinamici

In questa sezione si mette a disposizione dell'utente, la possibilità di sviluppare infiniti condizionamenti. Sono presenti, infatti, alcuni filtri che possono essere combinati tra loro tramite due operatori: AND ed OR. Essi agiscono sulla serie nel caso di uno sviluppo integrale e sulla combinazione nel caso di una riduzione ortogonale o mista. Vi sono poi dei particolarissimi filtri sulla base delle colonne visibili nel tabellone analitico dei 90 numeri (vedi tabelle per ambata) ed hanno come peculiarità principale il fatto che ogni colonna possiede una ottima distribuzione sui ritardi e che in genere ne escono ad ogni estrazione uno o due numeri per ogni colonna.

Un altro filtro complementare al precedente è Stessa Pos. Orizzontale basato sulle righe del tabellone analitico dei 90 numeri e che consente di scartare gruppi di numeri già usciti o di includere nelle serie sviluppate una condizione di sincronicità (cioè numeri aventi lo stesso ritardo).

Il filtro Elimina Distanza Ritardi consente di eliminare tutte le combinazioni che hanno la differenza dei ritardi dei singoli numeri compresi nel valori assegnati da questo filtro.

Le possibilità di questi nuovi filtri (coniati dall’autore e introdotti per la prima volta in assoluto in CompLotto) sono in parte ancora da esplorare e potrebbero consentire lo sviluppo di ottimi sistemi di pronostico per le combinazioni superiori all'Ambo.

Ci sono, inoltre, due filtri basati sul ritardo: una sul singolo numero e l'altro sulla combinazione (o sulla serie in caso di uno sviluppo integrale).

Vi è, infine, la possibilità di assegnare uno o più capigioco (al massimo 5): un corrispondente della fissa del Totocalcio.

Filtri statici

Per filtri statici si intendono quei filtri che sono composti da un insieme predefinito di numeri. Ad esempio ci sono i numeri pari che saranno sempre quelli (2, 4, 6, 8, 10, ecc.) al di là del tempo e del loro ritardo. I filtri statici inclusi in questa sezione sono:

Il filtro stessa decina corrisponde al gruppo decine naturali;

Il filtro stessa cadenza corrisponde al gruppo cadenze;

Il filtro stessa figura corrisponde al gruppo figure;

Il filtro consecutività è invece un filtro particolare che consente di individuare le serie consecutive ad esempio la serie 1.2.4 presenta consecutività = 1; la serie 1.2.3 ha consecutività = 2.

N.B.: nelle riduzioni ortogonali, il filtro agisce sulle combinazioni e non sull’intera serie per cui un uso improprio di questo avrebbe come conseguenza tutte le serie possibili. Ad esempio se si vuole eseguire una riduzione ortogonale per ambo con tutti i 90 numeri nella serie integrale e si imposta questo filtro a Min=2 e Max=2 (cioè solo serie con due consecutività) sarebbero escluse tutte le serie possibili perché un ambo può avere al massimo una sola consecutività.

Il filtro somma si differenzia dagl'altri filtri statici in quanto calcola la somma della serie (nel caso di uno sviluppo) o della combinazione (nel caso di una riduzione ortogonale). Questo filtro è molto interessante in quanto consente di filtrare le serie in modo ben distribuito.

Tutti i filtri (ad eccezione della somma) possono essere indipendenti (AND) o interlacciati (OR). Quando si usa più di un filtro OR si vuole indicare che almeno una condizione di questi filtri deve essere verificata (o una o l'altra o l'altra ancora). Selezionando OFF si "spegne" il filtro ed è quindi ignorato durante lo sviluppo del sistema.

Filtri dinamici sul posizionamento dei numeri

Questi filtri sono stati introdotti sin dalla prima versione di CompLotto (anno 1997). Essi si basano sul tabellone analitico dei 90 numeri (vedi tabelle per estratto): le cinque colonne di numeri presenti in una ruota corrispondono ad un filtro di questo tipo mentre la ruota è selezionabile dal selettore sottostante. Essi sono detti dinamici, in quanto, variano ad ogni nuova estrazione e sono differenti da una ruota all'altra. Per sfruttare appieno questi filtri sarebbe meglio fare un'analisi nel tempo del tabellone analitico dei 90 numeri. Si potrà vedere che spesso e volentieri in ogni nuova estrazione escono uno o al massimo due numeri per ogni colonna e che, normalmente rientrano in una fascia ristretta di ritardi (sotto le 18 estrazioni). L'utilizzo di questo tipo di filtro può essere vario e si può ritenere uno dei pochi che consenta di generare dei buoni pronostici per le combinazioni superiori all’ambo (con sistemi voluminosi).

I suddetti filtri si trovano nella seconda pagina del foglio di proprietà Sviluppi e Riduzioni Ortogonali nella parte superiore destra. Ci sono cinque filtri che corrispondono alle relative colonne e sono composte da 4 parametri ognuna:

I parametri Da e A sono rispettivamente il margine inferiore e superiore del ritardo per estratto. Se si imposta Da=150 e A=10, ad esempio, significa che i numeri da prendere in considerazione sono quelli che, in corrispondenza della colonna, sono compresi tra la centocinquantesima e la decima estrazione.

I parametri Min e Max sono identici a quelli dei filtri statici e stanno ad indicare che ogni serie (nello sviluppo integrale) o ogni combinazione (nelle riduzioni ortogonali) deve essere composta da minimo Min numeri e massimo da Max numeri. Ad esempio se impostiamo Min=2 e Max=2 in uno sviluppo con Quantità numeri=2 indichiamo che il sistema deve sviluppare ambi aventi solo numeri di quella determinata colonna presenti ai ritardi specificati.

Il filtro Stessa Pos. Orizzontale consente l'eliminazione di combinazioni già uscite recentemente. oppure può essere usato per introdurre condizionamenti di tipo sincrono (ovvero devono essere presenti in ogni serie almeno da Min a Max numeri aventi lo stesso ritardo). Ad esempio, impostando il filtro S.P.O.(0,0) indica che si vuole escludere tutti i numeri che hanno lo stesso ritardo mentre i valori S.P.O.(2,2) indicherebbero che si vogliono soltanto le serie contenenti 2 numeri con lo stesso ritardo.

Infine, il filtro Elimina Distanza Ritardi consente di eliminare tutte le combinazioni che hanno la differenza dei ritardi dei singoli numeri compresi nei valori assegnati da questo filtro.

Filtri sui ritardi

Questi filtri sono anch'essi dinamici in quanto cambiano a seconda delle ruote selezionate ed ad ogni nuova estrazione. Essi sono di tipo esclusivo cioè eliminano le serie/combinazioni e/o i numeri che sono inclusi nei limiti Min-Max descritti.

In particolare il filtro Combinazione elimina le combinazioni (o le serie nel caso dello sviluppo integrale) che hanno un ritardo compreso tra Min e Max.

Il secondo filtro Estratto elimina i numeri che hanno un ritardo nella fascia compresa tra Min e Max.

Entrambi i filtri essendo basati sui ritardi hanno bisogno di conoscere le ruote su cui eseguire il calcolo. La selezione delle ruote è consentita nella terza pagina: quella dedicata allo spoglio. Se la terza pagina non è mai stata attivata e non è stato mai effettuato un caricamento di un sistema il programma assume come ruote attive quelle descritte nel menu principale di CompLotto (vedi tabelle e grafici sui ritardi delle serie omogenee). E' buona norma, comunque, verificare (ed eventualmente modificare), quali ruote siano attive abilitando la pagina Spoglio.

Filtro capogioco

Questo è un filtro a se stante e consente di filtrare tutte le combinazioni/serie che non hanno almeno un numero contenuto nel parametro capogioco. Nel Totocalcio la avremmo chiamata fissa. Ogni capogioco deve essere separato da un punto (ad esempio 1.23.56).

Filtri Utente

Questi filtri, introdotti a partire dalla versione 2.0 di CompLotto lasciano all’utente maggior libertà di condizionamento del sistema. E’ infatti possibile definire fino a 20 serie diverse (ogni numero deve essere separato da un punto) nella quale ogni serie del sistema integrale o ogni combinazione nella riduzione ortogonale, deve avere la quantità di numeri specificata nel rango Min-Max. I suddetti filtri agiscono in AND (cioè sono indipendenti uno dall’altro).

Usare lo spoglio

Lo spoglio è essenzialmente uno strumento di verifica per sapere se un determinato sistema ha dato una vincita nella nuova estrazione. Consente anche di valutare la bontà del sistema elaborato mediante alcune funzioni avanzate come il calcolo economico delle vincite e la gestione dell'archivio.

Selezione delle ruote in un sistema

Spoglio e selezione ruote di un sistema lotto

La selezione delle ruote è necessaria allo spoglio per stabilire dove eseguire la ricerca delle combinazioni uscite. Le stesse ruote selezionate sono quelle per stabilire in quali ruote deve avvenire il calcolo ritardi (filtri Combinazione e Estratto presenti nella seconda pagina). La selezione avviene semplicemente cliccando in corrispondenza del nome della ruota. Dove appare un segno di visto allora la ruota è attiva. Nello spoglio saranno visualizzati solo i numeri relativi alle ruote attive.


Calcolo delle vincite accumulate

Assegnando la posta alle varie combinazioni (in corrispondenza della colonna Quote) il programma si incaricherà di calcolare:

- il numero di combinazioni che sono uscite

- la spesa affrontata

- l'ammontare vinto per ogni combinazione e il totale complessivo

- il totale guadagnato

Il numero di combinazioni che sono uscite sono visualizzate in corrispondenza della colonna Vincite e relative alle singole combinazioni. Questo valore è posto tra parentesi tonde e precede l'ammontare vinto.

La spesa affrontata (settima riga, terza colonna) è calcolata in base al numero di bollette (settima riga, prima colonna), alla somma della posta di ogni singola bolletta (settima riga, seconda colonna) e dal numeri di ruote in gioco (se Tutte le ruote la spesa non sarà moltiplicata per 10).

L'ammontare vinto per ogni combinazione è visualizzato in corrispondenza della colonna Vincite e segue "il numero di combinazioni che sono uscite". Il totale complessivo è sempre in corrispondenza della colonna Vincite ed è posizionato alla sesta riga.

Il totale guadagnato è visualizzata nell'ultima riga in corrispondenza della colonna Vincite. Se questo valore ha un segno meno (-) davanti significa che il gioco ha dato esito negativo con una perdita pari alla cifra indicata di seguito.

Effettuare lo spoglio in una data

Lo spoglio avviene lo scorrimento della barra orizzontale . Cliccando sulle freccia a sinistra si torna indietro di una estrazione mentre con la freccia a destra si va avanti. Inizialmente si trova nell'ultima estrazione e bisogna cliccare sulla freccia a destra per conoscere l'esito dell'ultima estrazione. Prima del calcolo dello spoglio si devono impostare le ruote attive e la posta per ogni singola combinazione.


Torna all'indice Download versione gratuita di CompLotto 5 Scarica tutto il manuale in PDF Compra